fbpx

DA OGGI SEI LIBERA DI
ESSERE COME SEI

L'OSSERVATORIO DI AZIENDE E LAVORATORI ETICI
PER PREVENIRE E CONTRASTARE MOLESTIE
E VIOLENZE SUL LUOGO DI LAVORO


AZIENDA/
ORGANIZZAZIONE?

ENTRA A FAR PARTE
DI UN MONDO PIÙ ETICO

SCOPRI SE L’AZIENDA/
ORGANIZZAZIONE
OPERA CONFARE SICURO

LAVORIAMO INSIEME PER
FARE UN PASSO IN PIÙ

LAVORATORE/
LAVORATRICE?

SEGNALACI SE LA TUA
AZIENDA/ORGANIZZAZIONE
È UN LUOGO SICURO

SE SEI VITTIMA E SOGNI UNA
SECONDA CHANCE DI LAVORO SICURO

SOS VITTIMA
 

Progetti

Mission

Vision

Progetti

NEWS ED EVENTI

UNI/PdR 125 per una effettiva parità di genere

Le monache di clausura del convento di San Bernardo a Salta in Argentina alcuni mesi fa hanno denunciato l'arcivescovo locale per violenza di genere, ricorrendo al tribunale civile. Attualmente si trova agli arresti domiciliari dopo la sentenza di colpevolezza emessa alcuni mesi fa.

Suore denunciano alla giustizia civile il vescovo per violenza di genere

Le monache di clausura del convento di San Bernardo a Salta in Argentina alcuni mesi fa hanno denunciato l'arcivescovo locale per violenza di genere, ricorrendo al tribunale civile. Attualmente si trova agli arresti domiciliari dopo la sentenza di colpevolezza emessa alcuni mesi fa.

Violenza sessuale, la Cassazione stabilisce che è colpevole anche chi filma senza partecipare

La Corte di Cassazione ha raggiunto una sentenza che di fatto riterrà colpevole chiunque partecipi, non solo attivamente, ad un abuso. La Corte di Cassazione ha infatti deciso di punire anche chi filma una violenza sessuale, pur senza partecipare.

L’Italia è ancora lontana dal riconoscimento dei diritti delle donne nei luoghi di lavoro: molestie, discriminazioni e stereotipi denunciati da 1 donna su 2 in un’indagine

Secondo la ricerca, presto l’Ungheria avrà troppe donne laureate o comunque con un livello di istruzione che metterebbe in imbarazzo gli uomini, incapaci di sentirsi alla loro altezza, e quindi non disposti a spostare donne così emancipate e istruite, con catastrofici effetti sulla demografia del Paese.

Le donne a Budapest studiano più degli uomini. Secondo la ricerca, effetti catastrofici sulla demografia del Paese

Secondo la ricerca, presto l’Ungheria avrà troppe donne laureate o comunque con un livello di istruzione che metterebbe in imbarazzo gli uomini, incapaci di sentirsi alla loro altezza, e quindi non disposti a spostare donne così emancipate e istruite, con catastrofici effetti sulla demografia del Paese.

6libera si unisce alla richiesta di annullamento dello spettacolo di Placido Domingo accusato di molestie sessuali

Venerdì scorso, a conclusione dell’esecuzione della Turandot di Giacomo Puccini all’arena di Verona, i membri dell’orchestra si sono rifiutati di alzarsi in piedi accogliendo il cenno del direttore, il tenore spagnolo Placido Domingo, che li invitava a prendere gli applausi dal pubblico.

Linda Cerruti posta una foto con le medaglie e piovono commenti sessisti

L’Aula del Senato ha respinto l’emendamento che chiedeva la possibilità di adottare la differenza di genere nella comunicazione istituzionale scritta, introducendo nel Regolamento l’utilizzo di un linguaggio inclusivo.

Pesanti apprezzamenti e avances alla giovane commessa di un negozio

L’Aula del Senato ha respinto l’emendamento che chiedeva la possibilità di adottare la differenza di genere nella comunicazione istituzionale scritta, introducendo nel Regolamento l’utilizzo di un linguaggio inclusivo.

#SolidarityWithSanna le donne finlandesi ballano per sostenere la loro prima ministra

L’Aula del Senato ha respinto l’emendamento che chiedeva la possibilità di adottare la differenza di genere nella comunicazione istituzionale scritta, introducendo nel Regolamento l’utilizzo di un linguaggio inclusivo.

La promotrice – Dhebora Mirabelli, Avvocata Presidente CONFAPI Sicilia


Da bambina, quando ormai fuori era buio, mi raccontavano la favola del principe azzurro che arriva e salva la principessa.
C’è un momento che mi rimarrà sempre impresso, l’incontro con una collega incrociata chissà quante volte nei corridoi, ma a cui non avevo mai prestato attenzione. Quel giorno, però, era impossibile non notarla: splendeva nei suoi occhi uno spirito di libertà e speranza che la facevano brillare.

Avvicinandosi, mi disse solo una cosa:
“Ho denunciato chi mi rendeva invisibile per ricominciare a essere donna”. È stato in quel momento che ho imparato una lezione importante: nelle storie di violenza non c’è nessun principe azzurro, sei tu che devi avere la forza di uscire dall’oscurità e tornare libera.
Da quell’incontro, il mio obiettivo è stato aiutare quante più donne possibile a uscire dall’invisibilità. Per questo ho creato 6libera, per ridare speranza a chi vive nell’oscurità.

realizzato con il contributo di partnership aziendali:

e il patrocinio non oneroso di:

All right reserved © 2021. Confapi Sicilia Dhebora Mirabelli